Cookie

Questo sito utilizza i COOKIE per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei COOKIE.
Per maggiori informazioni e su come rimuoverli consultare la nostra politica sui COOKIE.

Privacy Policy

giovedì 16 maggio 2013

Taieddhra.....amodomio.......

 

"Le modifiche a questa taieddhra sono puramente volute.Della taieddhra originale sono stati comunque utilizzati la maggior parte degli  ingredienti.E mentre l'ho preparata ero nel pieno delle mie facoltà mentali"....ahahha
Sono in partenza per Roma,la valigia è pronta e a mezzanotte si va....quindi apro il frigorifero per vedere se c'è qualche cosa in scadenza e cosa vedo? Qualcosa a lunga scadenza,mezza cipolla,un cetriolo,mezzo sacchetto di grana grattugiato,qualche pomodorino,mezzo vasetto di olive,una zucchina,le melanzane che ho grigliato ieri sera,le patate stanno quasi facendo i butti...eh no...bisogna correre ai ripari!!
Allora mi viene in mente una tieddhra rivisitata...moooolto rivisitata,e cosi',per utilizzare questi "rimasugli" ,ho scongelato al volo il pezzo di merluzzo che avevo comperato per la ricetta della volta scorsa e ho azzardato questa versione per la sfida dell' MTChalleng.Spero solo che  Cristian, e le altre Emmeticilline non si sconvolgano piu' di tanto...
Sempre qua trovate tutti i consigli riguardo al riso da utilizzare per ottenere un piatto sano e gustoso, e qui il procedimento.
E mentre aspetto che mio marito ritorni a casa...ho pure il tempo per scribacchiare il post,prima di partire,sempre ammesso che non mi cali la palpebra di colpo...sono una dal calo facile quindi finchè sono ancora nel pieno delle mie facoltà.....vi lascio questa ricetta un po' da "riciclo",ma tanto tanto buona e saporita! Infatti la delicatezza del polposo merluzzo si mescola col sapore deciso delle olive pugliesi.....un insieme di consistenze e di gusti davvero cosi contrastanti da sposarsi comunque benissimo.Si dice che gli opposti si attraggono...quante volte,tra due persone ,si dice che non si azzeccano,sono cosi diverse ma che si compensano....ecco,in questo piatto ci sono tanti contrasti e tanti connubi di sapori da lasciare quasi stupiti!! Se chiudiamo gli occhi mentre mangiamo questo piatto,sentiamo distintamente tutti i sapori,la dolcezza delle patate e delle zucchine,la consistenza del riso,la morbidezza del merluzzo,la leggera acidità dei pomodorini e poi di colpo il salato delle olive e la croccantezza delle patate che si sono gratinate....da provare davvero!!
Ovviamente,dovendo finire gli ingredienti che avevo,non li ho pesati ma sono andata ad occhio,ma se volete farla in dosi maggiori utilizzate le dosi riportate sotto
 
Ingredienti per 4-6 persone (a seconda della fame) per uno stampo rotondo del diametro di circa 30 cm
300 g di riso Roma
400 g di patate (circa due patate di media grandezza)
filetti di merluzzo
100 g di cipolla (circa una cipolla di media grandezza)
300 g di zucchine (circa 3 zucchine di media grandezza)
4 pomodorini ciliegino o 1 pomodoro grande
50 g di formaggio grattugiato (metà grana e metà pecorino)
olive nere pugliesi (o quelle che avete)
olio extravergine d’oliva (possibilmente pugliese)

Esecuzione
Preriscaldate il forno a 160°.
Pulite tutte le verdure, sbucciate le patate e le cipolle, lavate zucchine e pomodori. Tagliate le patate, le zucchine e le cipolle a rondelle molto sottili, dello spessore di circa uno o due millimetri, aiutandovi con una mandolina o un robot da cucina e mescolatele tutte insieme condendole con un po’ d’olio.Ungete il fondo della teglia con un po’ d’olio e fate uno strato con metà delle verdure:cipolle,zucchine,patate e olive.
Sciacquate velocemente il riso in una scodella piena d’acqua, scolatelo e mettetelo nella teglia sopra lo strato di verdure livellandolo bene, dovrà formare uno strato molto sottile giusto a ricoprire leggermente le verdure, perché durante la cottura gonfierà abbastanza.
Mettete sopra al riso i pomodorini tagliati a pezzettini e quindi i pezzetti di merluzzo e ancora qualche oliva.
Spolverate con metà del formaggio grattugiato e fate un altro strato sopra il merluzzo con le verdure rimaste e aggiungete acqua, in maniera tale che arrivi proprio a filo dell’ultimo strato di verdure. A questo punto spolverate con il formaggio rimasto e versate ancora un po' d'olio.

Infornate la teglia e fate cuocere a 160° per un’ora, un’ora e mezza, dipende dal forno, fino a che si sarà formata una bella crosticina dorata in superficie. Eventualmente nell’ultimo quarto d’ora di cottura alzate la temperatura del forno a 200°.

 
....e ora vado a vedere se nella valigia ho messo proprio tutto...Roma....arrivoooo!!!!!
 
con questa versione partecipo alla sfida




27 commenti:

  1. Uuuuuuuuh FENOMENALE questa Taieddhra amodotuo!!!! :-D Grande, grandissima, grandiosa Antonella!!!! E che ridere quel "mentre l'ho preparata ero nel pieno delle mie facoltà mentali"!!!! :-D :-D :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah!!!! ho una sana dose di pazzia che mi scorre nelle vene...e isti i tempi non mi possono nemmeno condannare.... grazie cara!!!!

      Elimina
  2. Ci vuole un gran talento per realizzare una bella ricetta con solo gli ingredienti a disposizione al momento. Tutto sta nel saperli abbinare al meglio, ed è quello che sei riuscita a fare tu! bravissima Antonella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Per fortuna avevo dei buoni avanzi !!! Ahah pensa se avessi avuto del puzzo ma prossimo gorgonzola...
      Ahah

      Elimina
    2. Grazie! Per fortuna avevo dei buoni avanzi !!! Ahah pensa se avessi avuto del puzzo ma prossimo gorgonzola...
      Ahah

      Elimina
  3. Certo che ti vogliamo ancora con noi, per la II volta, nonostante la palpebra in bilico e la fretta di partire!!!!Ottima anche questa versione e posso immaginarne senz'altro la morbidezza e il sapore! Grazie Antonella , anche di questo tuo contributo !
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops i numeri romani mi hanno tradito : la III !!! :-))))

      Elimina
    2. ahahah!!!! ne faro' altre...tipo 5...cosi scrivi V ed è piu facile...ahahah

      Elimina
  4. Bellissima e pure di riciclo: perfetta!! Brava!

    RispondiElimina
  5. Ciao Antonella! Grazie per questa tua nuova versione con le olive. Non c'è nulla di sconvolgente, anzi direi che è una taieddhra di tutto rispetto e in linea con quella che dovrebbe essere l'essenza del piatto.
    Grazie mille!
    Cristian

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fiuuuuu!!! ho avuto l'ok del taieddhrameeeennn....quindi sono a postooo!!! ahahah grazieeee!!!!

      Elimina
  6. Complimenti...però mi dai un'idea..mi sa cha la tua taieddhra potrebbe diventare un nuovo ingresso stabile della mia cucina.. ho spesso il problema di riciclare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ho rix sotto.....sono andata in tilt!!!!

      Elimina
  7. ahahaah!!!! usa sempre il coccio allora cosi nessuno sospetta che è una meravigliosa ricetta del riciclo ma......una personale versione di taieddhra...perchè da brava spiegherai che quella parola vuol dire coccio....ahahah...ma fa piu' scena !!! o no???!!!! ciaoooo

    RispondiElimina
  8. "te cala la palpebra" ma..ogni volta tiri fuori idee che torturano chi le legge dall'ufficio...come sto facendo in questo momento io :D
    bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah¨!!! sapessi come mi sto torturando io a leggere le vostre tieddhre mentre son qua a Roma e non posso cucinare!!!!! ahahahaah baci!

      Elimina
  9. Io non mi sconvolgo, ma ti adoro sempre di più!! Grande!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie grande Michela!!!! anche tu non scherzi e ti stimo immensamente!! ciaoooooo!!!!!!

      Elimina
  10. Sconvolta? Si, ma da questi abbinamenti deliziosi! Sono sicura che col merluzzo l'apprezzerebbe di più anche il mio uomo di casa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forza allora....merluzza anche te!!!!! ahahah

      Elimina
  11. Del merluzzo, già dissi, la volta scorsa. Lo trovo un'alternativa intelligente, per le mille variazioni sul tema che questo pesce consente. Stavolta, mi soffermerò :-) su un altro aspetto di questa tiella, vale a dire la cucina degli avanzi. Che è il punto più alto della cucina di casa, quello dove non si scappa: perchè è facile cucinare, se hai gli ingredienti che ti impone la ricetta. Il problema inzia quando devi assemblare quello che c'è- e renderlo quanto meno gradevole al palato tuo e dei tuoi commensali. E tu lo hai risolto, alla grandissima, sfruttando le potenzialità della cottura in teglia, che è quanto di più indicato per trasformare un piatto di riciclo in un piatto da re. Bravissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Alessandra!Hai ragione...facile realizzare una ricetta con gli ingredienti comperati appositamente...ma quando apri il frigo per vedere cosa quale ingrediente ti "implora" di essere utilizzato altrimenti si suicida...incroci le dita e dici...sperèm....ahahaha ciaoooo

      Elimina
  12. Io devo ancora approcciarmi alla taieddhra, e spero di riuscirci entro i termini! E soprattutto, spero di riuscire ad assaggiarla, perché sono davvero curiosa!
    Mi piace moltissimo la versione mono-porzione nel coccio.. quasi quasi te la copio (anche perché sono le uniche cose di coccio che possiedo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forza allora non indugiareeeee!!!! con la monoporzione eviti litigi tipo..eh ma lui ne ha di piuuuuuü'.....ahahaha sono curiosa di vedere la tua versione!

      Elimina
  13. Ciao Antonella :-)
    Complimenti sei riuscita a fare una super taieddrha con gli avanzi nel frigo! È poi io sono una fan del merluzzo
    A presto Ila

    RispondiElimina