Cookie

Questo sito utilizza i COOKIE per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei COOKIE.
Per maggiori informazioni e su come rimuoverli consultare la nostra politica sui COOKIE.

Privacy Policy

martedì 14 maggio 2013

Taieddhra riso patate e....merluzzo

 

Bene...quando un piatto viene apprezzato per la sua semplicità,gusto,facilità d'esecuzione,
storia,origine interpretazione....perchè non cimentarsi in altre versioni?
E' quello che sta succedendo,come è successo per tante altre ricette (tagliatelle e pici ad esempio) proposte per la sfida dell' MTChalleng, anche per questo piatto che sinceramente non conoscevo,o meglio, conoscevo solo come "risopatatecozze", ignorando le origini,la storia,la tradizione....E se per la prima ricetta,ho proposto la versione originale insegnata da  Cristian,questa volta questa volta ho voluto azzardare,giocare,proporre nuovi gusti.anche se poi,a dire la verità,non è che abbia poi sconvolto cosi' spudoratamente la ricetta,dai!!! Al posto delle cozze ho messo solo un bianco,morbido e delicato merluzzo....che ha conferito al piatto un gusto delicato ma per niente scialbo!...anche perchè mi sono detta,se "taieddhra" vuol dire coccio...nel coccio posso metterci dentro qulasiasi cosa...con moderazione ovviamente,altrimenti rischio di stravolgere troppo la ricetta originale!
Sempre qua trovate tutti i consigli riguardo al riso da utilizzare per ottenere un piatto sano e gustoso, e qui il procedimento.
Mi auguro solo che i piu' tradizionalisti non inorridiscano o partano con improperi sull'esecuzione e
la versione di questo piatto! Quindi,prima di storcere il naso e criticare....provare!!!



Ingredienti per 4-6 persone (a seconda della fame) per uno stampo rotondo del diametro di circa 30 cm
300 g di riso Roma
400 g di patate (circa due patate di media grandezza)
filetti di merluzzo
100 g di cipolla (circa una cipolla di media grandezza)
300 g di zucchine (circa 3 zucchine di media grandezza)
4 pomodorini ciliegino o 1 pomodoro grande
50 g di formaggio grattugiato (metà grana e metà pecorino)
olio extravergine d’oliva (possibilmente pugliese)

Esecuzione
Preriscaldate il forno a 160°.
Pulite tutte le verdure, sbucciate le patate e le cipolle, lavate zucchine e pomodori. Tagliate le patate, le zucchine e le cipolle a rondelle molto sottili, dello spessore di circa uno o due millimetri, aiutandovi con una mandolina o un robot da cucina e mescolatele tutte insieme condendole con un po’ d’olio.Ungete il fondo della teglia con un po’ d’olio e fate uno strato con metà delle verdure:cipolle,zucchine e patate....
Sciacquate velocemente il riso in una scodella piena d’acqua, scolatelo e mettetelo nella teglia sopra lo strato di verdure livellandolo bene, dovrà formare uno strato molto sottile giusto a ricoprire leggermente le verdure, perché durante la cottura gonfierà abbastanza.
Mettete sopra al riso i pomodorini tagliati a pezzettini e quindi i pezzetti di merluzzo.
Spolverate con metà del formaggio grattugiato e fate un altro strato sopra il merluzzo con le verdure rimaste e aggiungete acqua, in maniera tale che arrivi proprio a filo dell’ultimo strato di verdure. A questo punto spolverate con il formaggio rimasto e versate ancora un po' d'olio.



Infornate la teglia e fate cuocere a 160° per un’ora, un’ora e mezza, dipende dal forno, fino a che si sarà formata una bella crosticina dorata in superficie. Eventualmente nell’ultimo quarto d’ora di cottura alzate la temperatura del forno a 200°.
 

con questa versione partecipo alla sfida
 


24 commenti:

  1. Questa fa perfettamente per me! :-* Rubo e copio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ruba ruba pure cara!!!!! e buon appetito!!!!

      Elimina
  2. Il sapore sarà davvero delicatissimo! E poi i piatti migliori nascono da errori o da sperimentazioni e comunque, la tradizione rimane tradizione! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si hai ragione!ciao carissima!!!!

      Elimina
  3. Per quant'è delicato il sapore del merluzzo, credo ci stia davvero molto bene! ^_^

    RispondiElimina
  4. Hai preparato una interessante versione Antonella. Mi piace l'idea del merluzzo e riesco ad immaginarne il sapore complessivo.... Lo posto subito e grazie di questa tua seconda prova!! :-))))
    Dani

    RispondiElimina
  5. ma prego....ne ho già in mente un'altra prima di partire per Roma....ahahahaciaooo

    RispondiElimina
  6. I tradizionalismi nuocciono alla salute ^_^ e non fanno parte dell'MTChallenge. La tua interpretazione è delicatissima e molto raffinata: il merluzzo ci sta d'incanto e la preparazione guadagna in delicatezza, senza perdere in solarità.

    Splendida, come sempre!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Mapi!!! non hai idea di cosa ho in mente...ahahaha

      Elimina
  7. credo che appena trovo il merluzzo che dico io, te la copio..... buona giornata Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. copia copia!!!! buona ricetta allora!! ciaoooooooooo

      Elimina
  8. il merluzzo abbinato così bene, piacerebbe persino a me!
    brava!!
    un bacione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene...provalo allora!! ciaoooo e grazie

      Elimina
  9. Ciao Antonella! Grazie per questa seconda versione diversa ma nella sua essenza sempre taieddhra. Il merluzzo ci sta ottimamente perchè nonostante sia un pesce delicato insieme alle patate e alle zucchine non scompare dal piatto ma rimane ben presente insieme a tutto il resto degli ingredienti.
    Grazie mille!
    Cristian

    RispondiElimina
  10. bellissima e super colorata la tua taieddhra! col merluzzo l'hai resa delicatissima! brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si...chi l'avrebbe mai detto che il "bistrattato" merluzzo,nel suo polposo e bianco candore abbia dato cosi prestigio a questo piatto???? :-)Grazieeee!!!

      Elimina
  11. Doppio binario, direi: prima ti cimenti con la tradizione e poi ti lanci nell'interpretazione. E' la strada più impegnativa, più completa, più seria. non a caso, la rielaborazione è convincente: un pesce atipico, per territorialità, ma non certo per questo tipo di cottura (basti pensare alle decine e decine di fish cakes e di merluzzi in teglia nelle cucine del Nord d'Europa). In più- parere personalissimo- trovo che dia anche cremosità a tutto l'insieme. Senza contare che è un pesce versatile, che dovremmo imparare a consumare di più e meglio. Ottima idea, come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille davvero....hai ragione...il merluzzo non viene sempre considerato come dovrebbe...peccato perchè è davvero versatile!!! .-)

      Elimina
  12. La tua prima taieddhra mi era piaciuta un sacco e questa mi piace ancora di più!! Merluzzo e patate è un abbinamento che adoro.. In più, i colori sono davvero belli, il bianco del riso e del merluzzo va a nozze con il giallo delle patate, il rosso del pomodoro e il verde della zucchina: bravissima!

    RispondiElimina
  13. Ma che bella idea..il merluzzo lo troviamo talmente spesso nei nostri negozi che forse un pò lo trascuriamo..ottima versione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si...sempre nella polenta va a finire!!!!

      Elimina