Cookie

Questo sito utilizza i COOKIE per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei COOKIE.
Per maggiori informazioni e su come rimuoverli consultare la nostra politica sui COOKIE.

Privacy Policy

giovedì 6 settembre 2012

La focaccia dolce della sciüra Maria



Questo mese ci cimentiamo con  la proposta di Vittoria : la focaccia che mangiava da piccola , come merenda quando andava alle elementari , che preparava appunto la panettiera Maria . Avendo a disposizione il mio superlievito, perchè non provarci ?  Il risultato...una soffice focaccia che è durata veramente pochissimo tempo , perchè era un continuo sbocconcellare . Ci vuole veramente poco , e puo' essere una valida e sana proposta che prende il posto di quelle merendine industriali , che saranno anche buone ma volete mettere una fetta di una torta o focaccia preparate in casa ? Abituiamo i bambini e perchè no , tutta la famiglia , a gustare e assaporare ricette che hanno quasi il gusto antico , genuino e ormai dimenticato , delle sane preparazioni che le nostre nonne e le nostre mamme ci hanno fatto conoscere . Non c'è niente di meglio del profumo di torta o di pane che si sprigiona dal forno...certo è piu' facile aprire la dispensa e scartare una merenda già pronta . Ma la soddisfazione che si ha mentre si mettono le mani in pasta , e aggiungere gli ingredienti uno alla volta , sbirciare l'impasto mentre lievita e si dora in superficie...e la casa che si riempie di profumo buono e vedere che quello che abbiamo preparato viene apprezzato fino all'ultima briciola...bè...non ha eguali ! Un attimo di pausa e di relax , a dispetto del tempo che corre troppo , e che ci vede sempre affannati e di corsa . Prendiamoci un po' di tempo per noi stessi e per chi ci sta accanto . E ci stupiremo di come si sia riusciti , nonostante tutto , a ritagliarci lo spazio necessario per realizzare un qualcosa che ci ha fatto rilassare e ci ha riempito di soddisfazione . E perchè no...avere il controllo del tempo che passa , finalmente a nostro piacimento e non il contrario !

Ingredienti
350 gr di farina
    2 mele golden (100 gr)
una manciata di uvetta (70 gr)
un cucchiaio di olio extravergine di oliva Dante
7 gr  di sale 
15 gr di lievito di birra fresco ( io ho usato la pasta madre)
1 cucchiaio di zucchero per l'impasto
110 gr di acqua 
burro e zucchero per la copertura (circa 50 gr di burro e 2 o 3  di cucchiai di zucchero)

Esecuzione
Nella planetaria o in una ciotola sciogliete il lievito di birra con 50 gr di acqua appena tiepida e il cucchiaino di zucchero . Aggiungete gradatamente la farina ,  30 gr di acqua, olio ed infine sale. Lavorate bene l'impasto e aggiungete una mela tagliata a pezzettini alternandola con l'acqua (30 gr) controllando quanto liquido richiedeva l'impasto tenendo conto dell'umidità della mela. Aggiungete l'uvetta ammollata, e lasciate lievitare per 2 ore 
Trascorse le due ore stendete l'impasto , adagiate le fette della seconda mela e cospargete  la superficie con burro e zucchero e lasciate lievitare per 1 ora .

Infornate nella parte centrale del forno a 200° per 20-25 minuti circa fino a vedere la superficie caramellata

con questa ricetta partecipo al contest


16 commenti:

  1. Buongiorno Antonella che bello, dopo la pausa estiva, esser tornate a spignattare insieme con una focaccia veramente ottima, che profuma di casa, di tradizione e ricordi..! Grazie per la tua bellissima e golosa versione!! Alla prossima a casa delle simpatiche Apine :-)
    La Cuochina

    RispondiElimina
  2. Hai proprio ragione...anche io nel post ho scritto un pensiero simile. Bisogna proprio imparare a colerici bene...iniziando dalla cucina e dalla alimentazione! Bellissima la tua versione con le fette di mela sopra!

    RispondiElimina
  3. bellissima focaccia... con le fette di mela tagliate per intero

    RispondiElimina
  4. Per adesso solo grazie, passo dopo a leggere tutto con attenzione.
    Baci

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo..una delizia così è l'ideale per tutti, soprattutto per i ragazzi, bisognerebbe proprio abituarli! Anche perché è buonissima questa focaccia e tu hai fatto una versione stupenda, complimenti e grazie!
    Buona giornata:-)

    RispondiElimina
  6. fantastica! ha davvero un ottimo aspetto, la proverò!
    in bocca al lupo anche per il contest!

    RispondiElimina
  7. Buona vero Anto?Anch'io ho aggiunto un poco di lievito madre oltre a quello di birra così il giorno successivo è tutto ancora morbido e gustoso...
    baci

    RispondiElimina
  8. hai proprio ragione, semplice, sana e nutriente meglio di tante cose confezionate! ottima! ciao cara!

    RispondiElimina
  9. grazie ragazze...fatemi riprendere e passo a curiosare un po' da voi!!! :-)))

    RispondiElimina
  10. favolosa anche questa tua versione, specilamente la decorazione a fette rotonde, bravissima

    RispondiElimina
  11. Ciao Antonella,
    squisita anche la tua versione con la pasta madre. Condivido in toto il tuo pensiero e questa iniziativa dei Quanti modi di fare e rifare ci aiuta a condividere esperienze e ricette per curare al meglio le nostre famiglie. Le nostre mamme e nonne lo facevano nei cortili oggi noi abbiamo i nostri blog!
    Buona serata

    RispondiElimina
  12. Questa fettina in primo piano è molto invitante! Buona anche la tua versione!
    Sono d'accordisima e voglio agiungere che quando si fa qualcosa con amore il tempo sempre se lo trova...
    Buona serata!

    RispondiElimina
  13. Rieccomi! D'accordissimo con quanto dici!
    Bella con le fette a tutto tondo.
    Mi chiedo come mai tu non abbia messo anche le indicazioni della ricetta con pasta madre, sarebbe potuto servire a qualcuno, no?
    Buon fine settimana :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si hai ragione....vedo di rimediare ....:-))

      Elimina