Cookie

Questo sito utilizza i COOKIE per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei COOKIE.
Per maggiori informazioni e su come rimuoverli consultare la nostra politica sui COOKIE.

Privacy Policy

domenica 19 gennaio 2014

Spezzatino "ratatouille" o "Gymnopedies"



E' curioso il meccanismo che fa venire in mente certe cose.Tutto dipende dallo stato d'animo che hai in quel momento,da un colore che vedi,da un sapore e un odore,una scena vista,o da una musica che arriva alle tue orecchie....
Per tutta la settimana,mentre aspettavo la metropolitana,dagli schermi appesi sulle banchine delle stazioni,che trasmettono pubblicità e ultime notizie,ascoltavo l'incipit di un brano bellissimo,che non so per quale prodotto lo hanno utilizzato, ma che mi rapiva ogni volta.
Che abbiano fatto apposta per rilassare i passeggeri indispettiti dai ritardi della M1?
Il brano in questione è il primo,sono ben tre, della raccolta Gymnopedies di Erik Satie, compositore e pianista francese.
Ascolta oggi, ascolta domani,una volta a casa me la sono riascoltata tutta,ben rilassata sul divano,ho chiuso gli occhi  e pensavo a tutte le volte che sono stata a Parigi,alla sua atmosfera,alle sue bellezze,ai suoi Musei,all'atmosfera bohemien dei suoi quartieri,dei pittori di Montmartre,La Boheme,dove dai cieli bigi Rodolfo vede fumar dai mille comignoli Parigi.. e quale ricetta fare....una ricetta da realizzare con tutta la calma del mondo,semplice ma che fosse un po' d'effetto.Ma non tra quelle che sono già in rete,e nemmeno quelle di altri paesi.Non volevo riproporre niente di già fatto da altri.Volevo qualcosa che fosse "mio",che fosse farina del mio sacco.
Apro il frigorifero e vedo un po' di verdure miste,cosi.....musicista francese,misto di verdure, et voilà....Ratatouille, come il simpaticissimo topino-cuoco francese!!Si,avrei preparato uno spezzatino un po' matto! Certamente non ho inventato niente di stratosfericamente ineguagliabile e originale e da urlo,ma...è stato gustato fino all'ultimo pezzetto e a me ha fatto un gran bene perchè mi sono cosi rilassata!!!
Anche questa volta,preparato all'alba, in punta di piedi,nel silenzio della casa,con la bellissima musica di Satie che risuonava dentro di me,perchè quando una musica la conosci,te la canti fino alla fine,anche quando cerchi di non pensarci e di non cantartela.....curioso vero?
E con gesti lenti e ovattati,ho pelato e tagliato le verdure,preparato il pane,tagliato la carne,svuotato la zucca.......per quella che è un'altra mia proposta per la sfida di gennaio per l' Mtc

Riporto la procedura spiegata dalle sorelle Marta e Chiara de La cucina spontanea,che ci hanno lanciato questa sfida,con le modifiche del caso.

Ingredienti per 5 persone:
1kg di muscolo di vitellone
800g di patate
100g di polpa di pomodoro
2 cipolle
2 carote
1 zucchina
1 peperone giallo e 1 rosso
1 zucca
1 rametto di rosmarino
½  bicchiere  di Marsala
1L di brodo vegetale
spezie:paprika,coriandolo,cumino,maggiorana,pepe,aglio,chiodo di garofano,maggiorana,grani di senape

per 4 ciabattine ai semi di zucca
50 g di lievito madre rinfrescato
100 ml di latte
100 ml di acqua
300 g di farina per piadine
sale e semi di zucca q.b.
2 cucchiai di olio extravergine di oliva

Esecuzione
Tagliate la carne a cubi di circa 2-3 cm di lato. Infarinate i cubetti di carne e rosolateli in una padella, 
con un poco di olio. Tritate la cipolla e disponetela in una casseruola  con un paio di cucchiai d’olio. 
Fate rosolare la cipolla, dopodiché aggiungete la carne a cubetti. Mescolate e sfumate con il Marsala. 
Una volta evaporato, iniziate ad aggiungere il brodo vegetale. Aggiungete anche la polpa di pomodoro e un piccolo rametto di rosmarino.
Lasciate cuocere a fuoco lento, girando la carne di tanto in tanto ed aggiungendo altro liquido se necessario. 
Aggiustate di sale, se necessario.Aggiungete le spezie tritate. Nel frattempo tagliate la calotta alla zucca e con delicatezza estraete la polpa,cercando di lasciare dei pezzi abbastanza grossi. 
Pelate le patate e tagliatele e cubetti. Tagliate anche le altre verdure.Dopo circa un’ora e mezzo aggiungete le verdure. 
Salate ed eventualmente aggiungete altro liquido. Il tempo di cottura dipende dal tipo di carne che scegliete di utilizzare per il vostro spezzatino e dalla temperatura
 alla quale viene fatto cuocere. Per questo spezzatino sono state necessarie due ore di cottura mentre per le verdure una mezz’oretta.


Preparate la ciabattine mescolando il lievito (rinfrescato la sera prima : pasta madre-uguale quantità di farina - metà quantità di acqua,un cucchiaino di miele) con il latte e l'acqua.Aggiungete la farina,il sale e i semi di zucca. Dovrete ottenere un panetto elastico e ben incordato (puo' essere che serva un po' di piu' di farina rispetto alle dosi riportate).Lasciate riposare l'impasto.Dividetelo in quattro e stendetelo non troppo sottile.Adagiate su una teglia antiaderente (io ho utilizzato quella che uso per fare le piadine) e coprite con un coperchio facendo cuocere a fuoco bassissimo e rigirando la ciabattina quando un lato è dorato.


quando lo spezzatino è pronto,riempite la zucca svuotata e portate in tavola......


questo è il risultato.....


fumante e speziato.....


con questa ricetta partecipo a 


16 commenti:

  1. Sarà uno spezzatino un po' matto, ma pieno di sapori. Ottimo!

    RispondiElimina
  2. Ooooh, pure io ho fatto uno spezzatino nella zucca, solo che ho cotto la zucca direttamente in forno, con lo spezzatino dentro! ;-)

    Buonissimo il tuo spezzatino-ratatouille, ricco di profumi e di sapori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma daiiiiiiiiiiiii!!!!! pensa che evito di guardare le altre ricette per evitare di "copiarle" ....e invece è successo che abbiamo avuto piu' o meno la stessa idea. Ci separa solo un giorno e la ricetta che ha delle caratteristiche diverse, anche se io e te dobbiamo parlare!!! pensa che anche io volevo fare la carne in versione "dolceforte" che mi aveva fatto assaggiare la mia amica toscana tempo fa!!!! Ma ti immagini che storia??!! ahahah ciaooooooo

      Elimina
  3. Sono a bocca aperta per la tua bravura..........e la presentazione e' fantastica sembra un quadro complimentoni !!!!!!
    Un abbraccio :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bè dai....mica ho fatto chissà che roba!!!! comunque grazie mille!!!! ciaoooo

      Elimina
  4. antò..dopo che mi sono letta tutte e tre le ricette, devo dire che questa è sicuramente quella che preferisco, la ratatouille mi fa morire, e poi le atmosfere bohemien chissà perchè le sogno nella vita, e complimenti perchè l'idea dello spezzatino nella zucca mi piace un sacchissimo..bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro Parigi e tutto quello che gli gira intorno. Si respira un'atmosfera d'altri tempi.....grazie mille

      Elimina
  5. Misteri del'mtc: finora, solo in due avete avuto l'idea dello spezzatino nella zucca e per combinazione finite una dietro l'altra. Però- magia dell'mtc- con due ricette completamente diverse. La tua mette allegria, con il trionfo di colori e di profumi che la caratterizza: apprezzo anche la zucca in questa ratatouille rivisitata, che si aggancia alla stagione e dà il la all'intera composizione del piatto, visto che le ciabattine sono un accompagnamento perfetto. e perdona se ormai scrivo come se parlassi di musica, ma qui si finisce sempre per restar contagiati! Grazie infinite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non me lo avessi fatto notare tu in questo commento non mi sarei accorta della ricetta di Mapi, fino a quando non fossi andata a sfida ultimata a commentare....Sai la cosa "sconvolgente"? che anche io avevo pensato di preparare la versione "dolceforte"!!! Ma ti immagini che storia??!! non ti devo perdonare nulla cara Alessandra....in fin dei conti il nome del mio blog ü proprio Sapori in concerto e io in tutte le preparazioni vedo di metterci un bel po' di..."musica saporita"....ciao e grazie!

      Elimina
  6. Ma che bella la tua versione...e pi quella presentazione è davvero rustica e carinissima! un bacio!

    RispondiElimina
  7. Accidenti ci eravamo fatte sfuggire questa bellissima ricetta!!!Lo spezzatino dentro la zucca ha un fascino particolare, con una presentazione del genere il successo è assicurato. La proposta è ancora più bella perchè pensata, fonte esclusivamente della tua creatività!!Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille sorelle!!!! Siete state delle grandi a proporre questo magnifico piatto!! ciaooo

      Elimina
  8. Che bello questo spezzatino, Antonella sei un vulcano di idee! Di nuovo buona giornata, Sarah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!!!!!Buona giornata anche a te!

      Elimina