Cookie

Questo sito utilizza i COOKIE per gestire e migliorare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei COOKIE.
Per maggiori informazioni e su come rimuoverli consultare la nostra politica sui COOKIE.

Privacy Policy

sabato 9 giugno 2018

Risotto con triglie, pistacchi e limone




Mtc ha cambiato veste. Si é rinnovato. Non piu' la sfida mensile alla quale si partecipava piu' o meno forsennatamente, con calma, con fantasia, con azzardo, con il coltello tra i denti, con entusiasmo, con "nonsalanscccc", ecc ecc ecc. postando man mano, dando cosi' la "possibilità" alle piu'.... "pigre", di curiosare e prendere spunto o scopiazzare tra le ricette che man mano spuntavano come funghi.
Ora si posta tutte alla stessa ora e lo stesso giorno. Suspanssssss fino all'ultimo momento. Nessuna sa cosa fa l'altra fino al giorno X. Come un compito in classe dove è proibito copiare. Ed era ora. Si. Mi piace questa nuova formula. Da un' atmosfera di sano mistero. Un po' come ad essere ad un concorso, ti danno un brano obbligatorio (gli "ingredienti") e poi tu ci metti del tuo, con la tua interpretazione, musicalità, bravura e diciamolo, anche una botta di culo, perchè a volte (e non solo a volte) dipende da molti fattori (chi c'è in commissione, come si è svegliato, con chi hai studiato, quanto sei spinto ecc....) la tua vincita o no. E non sempre vince il/la migliore. O a volte, se tutto è pulito, il livello è davvero talmente alto , da mettere in crisi la commissione.
Quindi, per la seconda tornata (perchè la prima, tra mille vicissitudini e problematiche varie mi è scivolata via come un'anguilla....) delle selezioni per l'ingresso nell' MTC S-Cool, si senza acca, alzata la MysTeryCloche, scoperti gli ingredienti obbligatori Fragole Riso Faraona Limone Pistacchio Triglia Caffè, ho deciso di provarci. Con lo spirito decoubertiano, "L'importante non è vincere ma partecipare", che ho sempre applicato anche nella vecchia versione Mtc, mi sono cimentata in un piatto semplicissimo, normalissimo, senza chissà quali effetti speciali per stupire a tutti i costi. Semplicemente buono e basta.
E ringrazio anche la mia amica Elena. Lei sa perchè. Anche lei semplicemente buona e basta.

Ingredienti
130 g riso Carnaroli
10 triglie ( o di piu' secondo i gusti)
pistacchi q.b.
1 limone
1 cipolla piccola
1 carota piccola
brodo vegetele
vino bianco q.b.

Esecuzione
Aprite le triglie e togliete le spine, aiutandovi con una pinzetta, ricavando cosi' dei filetti. In una padella antiaderente fate cuocere dalla parte della pelle (che ho lasciato per creare un effetto cromatico in fase di impiattamento), 5 triglie, con un filo di olio extra vergine d'oliva.
Sgusciate i pistacchi e tritateli grossolanamente con la lama del coltello.
Grattugiate la parte gialla della buccia di un limone.
Tagliate finemente la cipolla e a dadini la carota e fatele stufare con un filo di olio extravergine d'oliva. Aggiungete il riso, fatelo tostare, sfumate con vino bianco. Aggiungete il brodo, man mano che il riso lo assorbe.
Cinque minuti prima della fine della cottura del risotto, aggiungete i filetti delle 5 triglie rimaste, crude e senza pelle, tagliate a tocchetti, una parte di pistacchi e una parte della buccia di limone.
Mantecate bene con una noce di burro e impiattate secondo i vostri gusti, decorando con una spolverata di pistacchi e di limone.


e se volete presentarlo in occasione di un buffet.....



con questa ricetta partecipo a MysTeryCloche


4 commenti:

  1. “Quando la necessità ci porta a usare parole sincere, cade la maschera e si vede l'uomo.”
    LUCREZIO

    RispondiElimina
  2. Trovo originale e appetitosa la presentazione per buffet. Un'idea che copierò alla prima occasione

    RispondiElimina
  3. essere semplici e diretti non significa sbagliare strada, soprattutto se si esprime cura per ciò che si fa

    RispondiElimina
  4. Una ricetta schietta ed efficace, da fare e rifare.

    RispondiElimina